Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Lavagno

Provincia di Verona - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Novembre  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             

ISTRUZIONI TASI 2017

 

C O M U N E DI LAVAGNO

Ufficio Tributi

Via Piazza, 4 - 37030 LAVAGNO

Centralino: 045.89.89.311 telefax: 045.98.25.46 Ufficio Tributi: 045.89.89.340/341/342

E-mail: tributi@comune.lavagno.vr.it

 

TASI 2017

Dal 01/01/2014 è stato introdotto il nuovo tributo sui servizi indivisibili (TASI) che è dovuto da chiunque possieda o detenga, a qualsiasi titolo, fabbricati e aree edificabili, come definiti ai sensi dell'imposta municipale propria, ad eccezione, in ogni caso, dei terreni agricoli.
Con deliberazioni n. 19 del 29/04/2014 è stato approvato il regolamento della Iuc e la disciplina della Tasi e con delibera di Consiglio Comunale n. 8 del 16/03/2017 è stata confermata l’aliquota TASI per l’anno 2017.

 

 

La legge di stabilità 2016 ha ESENTATO dalla Tasi i proprietari che adibiscono l’immobile, nel quale dimorano e risiedono, a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità immobiliari di categoria A1, A8, A9 (ma tale tipologia di immobili, nel Comune di Lavagno, è sempre stata esente da Tasi)

 

USO GRATUITO

Per il proprietario che possiede un immobile che intende concedere in uso gratuito, è prevista la riduzione del 50% della base imponibile qualora sussistano contemporaneamente tutti i seguenti requisiti:

a. Grado di parentela tra comodante e comodatario in linea retta entro il 1° grado (genitori – figli);

b. Il comodatario (utilizzatore) deve adibire l’alloggio come abitazione principale, ossia deve dimorare e risiedere all’interno dello stesso;

c. Il comodante deve avere un solo immobile concesso in comodato e/o un altro immobile adibito ad abitazione principale;

d. Entrambi gli immobili devono essere ubicati nello stesso comune;

e. Comodante e comodatario devono risiedere nello stesso comune;

f. Il comodante non deve possedere altri immobili in Italia oltre a quelli sopra indicati;

g. Entrambi gli immobili non devono appartenere alle categorie catastali di lusso censite a catasto in categoria A1, A8, A9;

h. Il contratto di comodato deve essere registrato.

 

Il MEF ha pubblicato la Risoluzione n. 1/DF del 17 febbraio 2016, in cui chiarisce i requisiti, i dettagli e l’applicazione del comodato gratuito del 50% della base imponibile.

 

ESENZIONE PER GLI UTILIZZATORI DELL’IMMOBILE NEL QUALE RISIEDONO

Dal 2016 è esentato dal pagamento del 10% della Tasi l’utilizzatore dell’immobile purché dimori e risieda nello stesso.

 

BASE IMPONIBILE

Per i fabbricati iscritti in catasto il valore su cui calcolare il tributo è determinato, come per l'IMU, ovvero è costituito dall'ammontare della rendita risultante in catasto rivalutata del 5% e moltiplicata per i seguenti valori:

160 per fabbricati iscritti in catasto nelle categorie A (esclusa A/10) e C/2, C/6 e C/7

140 per fabbricati iscritti in catasto nelle categorie B e C/3, C/4 e C/5

80 per fabbricati iscritti in catasto nelle categorie D/5

80 per fabbricati iscritti in catasto nelle categorie A/10

65 per fabbricati iscritti in catasto nelle categorie D escluso D/5

55 per fabbricati iscritti in catasto nelle categorie C/1

Per le aree fabbricabili e in caso di utilizzazione edificatoria dell'area, di demolizione e di interventi di recupero la base imponibile è costituita dal valore venale in comune commercio dal primo gennaio dell'anno di imposizione.

 

SCADENZE PAGAMENTO

16 giugno 2017

18 dicembre 2017


DICHIARAZIONE

Per gli immobili per i quali l'obbligo dichiarativo è sorto dal 1 gennaio 2016  la dichiarazione TASI andrà presentata entro il 30 giugno 2017.

 

MODALITÀ DI PAGAMENTO

Il versamento del tributo potrà essere effettuato, per ora, solo tramite il Mod. F24 utilizzando i seguenti codici tributo: .

3958        Tributo per i servizi indivisibili su abitazione principale e relative pertinenze di categoria A1, A8 E A9.

3959        Tributo per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale

3960        Tributo per i servizi indivisibili per le aree fabbricabili

3961        Tributo per i servizi indivisibili per altri fabbricati

3962        Tributo per i servizi indivisibili – INTERESSI

3963        Tributo per i servizi indivisibili – SANZIONI

 

Dove Rivolgersi

Ufficio Tributi

Via Piazza, 4 – 37030 Lavagno – Vr

Tel. 045.89.89.340/341/342 - - Fax: 045.98.25.46 

Email: tributi@comune.lavagno.vr.it

PEC: comunedilavagno@certificata.com

Orari: Martedì dalle ore 10.00 alle ore 12.30

Giovedì dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 17.30

Sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.30 previo appuntamento

Come si paga

ALIQUOTE

 

Oggetto

Aliquote

Aliquota di base

0,60 per mille (zerovirgolasessanta)

Aliquota fabbricati rurali ad uso strumentale di cui al comma 8 dell’articolo 13 del d.l. n. 201/2011, convertito dalla legge n. 214/2011

0,60 per mille (zerovirgolasessanta)

Aliquota abitazione principale e relative pertinenze così come indicate dall’art. 13, comma 2 del d.l. n. 201/2011, convertito dalla legge n. 214/2011

0,00 per mille

ZERO

 

ARROTONDAMENTI
L'importo da pagare va arrotondato all'euro per difetto se la frazione è inferiore o uguale a 49 centesimi, per eccesso se superiore a detto importo.

 

VERSAMENTO MINIMO Non si effettua il versamento qualora l'imposta complessivamente dovuta sia di importo inferiore a € 12,00. 



 Clicca qui per scaricare l'informativa TASI.pdf

 

Delibera Regolamento IUC.pdf

REGOLAMENTO IUC.pdf

Delibera ALIQUOTE TASI.pdf

DCC_13-17 Valore aree ai fini TASI.pdf

Tabelle valore aree ai fini TASI.pdf

 

CLICCA QUI PER EFFETTUARE IL CALCOLO E/O LA DICHIARAZIONE TASI

Comune di Lavagno - Via Piazza, 4 - 37030 Lavagno (VR)
P.Iva IT 00267720233 - IBAN IT20Q0200859520000003465278
tel. 0458989311 - fax 045982546 PEC: comunedilavagno@certificata.com