Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Lavagno

Provincia di Verona - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Settembre  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
             

ISTRUZIONI IMU 2018

 

C O M U N E DI LAVAGNO

Ufficio Tributi

Via Piazza, 4 - 37030 LAVAGNO

Centralino: 045.89.89.311 telefax: 045.98.25.46 Ufficio Tributi: 045.89.89.340/341/342

E-mail: tributi@comune.lavagno.vr.it

 

Principali novità per l'anno 2018

 

CHI DEVE PAGARE

 

Deve pagare l’IMU chi possiede immobili (fabbricati, terreni agricoli e aree fabbricabili), chi gode sugli stessi di un diritto reale di usufrutto, uso o abitazione (anche quello spettante al coniuge superstite a seguito di successione), enfiteusi, superficie, il concessionario di aree demaniali e il locatario degli immobili concessi in locazione finanziaria a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto.

 

ESCLUSIONI

Sono esclusi dall’IMU:

 

1. l’abitazione principale e le relative pertinenze, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 ed A/9 per le quali continuano ad applicarsi l’aliquota agevolata dello 4,3 ‰ e la sola detrazione di base di € 200,00.

2. le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari.

3.  i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008.

4. la casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

5. l’unico  immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente dalle Forze di polizia ad ordinamento civile nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica.

 

Si considera direttamente adibita ad abitazione principale e, quindi, esclusa dal campo di applicazione dell’IMU anche:

a) l’unità immobiliare, escluse le abitazioni di categoria catastale A/1 A/8 e A/9, comprese le relative pertinenze, posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che non risulti a qualsiasi titolo, utilizzata;

b) l’unità immobiliare, escluse le abitazioni di categoria catastale A/1 A/8 e A/9, comprese le relative pertinenze, posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato solo se  “già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza… a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso” (art. 13, comma 2, d.l. 6.12.2011, n. 201, convertito dalla legge 222.12.2011, n. 214).

 

USO GRATUITO

Per il proprietario che possiede un immobile che intende concedere in uso gratuito, è prevista la riduzione del 50% della base imponibile qualora sussistano contemporaneamente tutti i seguenti requisiti:

a. Grado di parentela tra comodante e comodatario in linea retta entro il 1° grado (genitori – figli);

b. Il comodatario (utilizzatore) deve adibire l’alloggio come abitazione principale, ossia deve dimorare e risiedere all’interno dello stesso;

c. Il comodante deve avere un solo immobile concesso in comodato e/o un altro immobile adibito ad abitazione principale;

d. Entrambi gli immobili devono essere ubicati nello stesso comune;

e. Comodante e comodatario devono risiedere nello stesso comune;

f. Il comodante non deve possedere altri immobili in Italia oltre a quelli sopra indicati;

g. Entrambi gli immobili non devono appartenere alle categorie catastali di lusso censite a catasto in categoria A1, A8, A9;

h. Il contratto di comodato deve essere registrato. 

Il MEF ha pubblicato la Risoluzione n. 1/DF del 17 febbraio 2016, in cui chiarisce i requisiti, i dettagli e l’applicazione del comodato gratuito del 50% della base imponibile.

 

Il soggetto passivo deve attestare i suddetti requisiti con la presentazione della dichiarazione IMU.

 

ESENZIONE TERRENI AGRICOLI

Sono completamente esentati i terreni di proprietà e condotti da Coltivatori Diretti (CD) e Imprenditori Agricoli Professionali (IAP) con iscrizione previdenza agricola.

 

E’ CONFERMATA L’ESENZIONE IMU per i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'articolo 9, comma 3-bis, del D.L. n. 557/1993 convertito, con modificazioni, dalla L. 26 febbraio 1994, n. 133 (stalle, fienili, depositi agricoli, ecc...).

 

 

A CHI VA VERSATA L'IMU 2018

L'IMPOSTA SU TUTTI GLI IMMOBILI VA INTERAMENTE VERSATA AL COMUNE, con la sola esclusione degli immobili censiti nel gruppo catastale "D" (immobili produttivi).

Per gli immobili del gruppo catastale "D" (immobili produttivi):

- l'imposta corrispondente all'aliquota di base dello 0,76% va versata a favore dello Stato, con codice tributo 3925;

- l'imposta relativa alla maggiorazione di aliquota confermata dal Comune, pari allo 0,03% (0,79% - 0,76%), va versata a favore del Comune stesso, con codice tributo3930.

 

Dove Rivolgersi

UFFICIO TRIBUTI

Via Piazza, 4 – 37030 Lavagno – Vr

Tel. 045.89.89.340/341/342 - - Fax: 045.98.25.46

Email: tributi@comune.lavagno.vr.it

PEC: comunedilavagno@certificata.com

Orari: Martedì dalle ore 10.00 alle ore 12.30

Giovedì dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 17.30

Sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.30 previo appuntamento

 

Come si paga

ALIQUOTE

Le aliquote, per l'anno 2018, sono state approvate con deliberazione consigliare n. 6 del 29/03/2018,

e sono pari a:

0,43% aliquota per l'abitazione principale e per le pertinenze;

0,79% aliquota per i fabbricati diversi dalla prima casa e per i terreni agricoli;

1,00% aliquota per le aree edificabili;

 

La detrazione per l’abitazione principale e per le sue pertinenze è pari a € 200,00 rapportati al periodo dell'anno in cui si utilizza l'immobile come abitazione principale e ripartiti in parti uguali tra i soggetti proprietari che l'abitano.

 

Deliberazione di Consiglio Comunale del 29.03.2018, n. 6.

 

 

MODALITÀ DI PAGAMENTO

PAGAMENTO CON MODELLO F24

codice comune E489

CODICI TRIBUTO

 

I codici tributo IMU utilizzabili per il modello F24 sono i seguenti:

3912

Abitazione principale e pertinenze

Quota COMUNE – Per gli immobili di categoria A/1 – A/8 – A/9

3914

Terreni agricoli

Quota COMUNE

3916

Area edificabile

Quota COMUNE

3918

Altri fabbricati

Quota COMUNE

3930

Immobili cat. D

Quota COMUNE

3925

Immobili cat. D

Quota Stato


ARROTONDAMENTI
L'importo da pagare va arrotondato all'euro per difetto se la frazione è inferiore o uguale a 49 centesimi, per eccesso se superiore a detto importo.

 

VERSAMENTO MINIMO - Non si effettua il versamento qualora l'imposta complessivamente dovuta sia di importo inferiore a € 12,00

 

SCADENZE DI PAGAMENTO

 

- ACCONTO ENTRO IL 18 GIUGNO 2018 – Pari al 50 % dell’imposta dovuta;

 

- SALDO ENTRO IL 17 DICEMBRE 2018 – A conguaglio e a saldo dell’imposta dovuta per il 2018;

E’ facoltà del contribuente pagare in un’unica soluzione annuale entro il 18 giugno 2018.

 

DICHIARAZIONI IUC - componente IMU

 

 Il termine entro cui presentare la dichiarazione IMU per l’anno 2017 è il 30 giugno 2018.

 

Con decreto ministeriale del 30.10.2012 è stato approvato il modello e le istruzioni  per la compilazione della dichiarazione IMU.

 

La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempreché non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo.

 

E’ confermata la normativa che esenta dall’obbligo dichiarativo le compravendite registrate in atti notarili (art. 12, comma 12 ter del d.l. n. 201/2011, convertito con la legge n. 214/2011).

 

La dichiarazione, una volta compilata e stampata, dovrà essere presentata all’ufficio tributi secondo le modalità e i termini previsti dalla normativa vigente.

 

CLICCA QUI PER SCARICARE INFORMATIVA IMU_2018

 

Delibera regolamento IUC.pdf

REGOLAMENTO IUC.pdf

Delibera aliquote IMU

DCC n. 13-2018 Valore aree edificabili ai fini IMU.pdf

Tabelle valore aree ai fini IMU.pdf

 

CLICCA QUI PER EFFETTUARE IL CALCOLO E/O DICHIARAZIONE IMU

Comune di Lavagno - Via Piazza, 4 - 37030 Lavagno (VR)
P.Iva IT 00267720233 - IBAN IT20Q0200859520000003465278
tel. 0458989311 - fax 045982546 PEC: comunedilavagno@certificata.com